25 marzo 2017

\

Oggi e specialmente domani, Roma non è dafrequentare, ci sono le celebrazioni per l’anniversario delle istituzioni europee e contemporaneamente i cortei contro l’europa. Quello che vedo più critico è il fatto che tra i cortei cene sono a favore e contro l’Europa, è più facile ipotizzare che ci siano dei facinorosi nei cortei. Sicuramente la minaccia non viene dai capi di stato! Invece il fronteggiarsi di cortei con intenti opposti la vedo pericolosa

L'immagine può contenere: sMS

24 marzo 2017

Oggi mi ha alzato Anca, poi è venuta l’innominata e ho fatto la doccia. Alle 10,00 è venuto Paolo e sono andato al Continente, al bar ho letto il giornale: il sindaco di Terni se n’è lavato le mani sull’inquinamento, ha buttato tutta la colpa sulla regione (Marini) , infatti il titolo sui giornali è: “la regione riaccende l’inceneritore come dire: il sindaco medico, poverino, è innocente

da AVAAZ

https://secure.avaaz.org/campaign/it/norway_save_the_whales_loc/?caTTibb

Tra pochi giorni la flotta norvegese salperà per la sua “classica” mattanza di centinaia di balene, la maggior parte incinte, senza che nessuno ne parli. Ma se lanciamo l’allarme possiamo costringere l’Europa a chiudere i porti alle baleniere. Con l’Islanda ha funzionato, firma ora con un solo clic e rifacciamolo:

Firma ora
Care e cari avaaziani,

Tra pochi giorni la Norvegia si lancia nella sua più orribile tradizione — il massacro di centinaia di balene, la grande maggioranza incinte. Ma quest’anno abbiamo una strategia per dire “Norvegia, fermati!”

Le balene sono creature incredibilmente intelligenti, sappiamo che con il loro ‘canto’ comunicano tra di loro e che provano emozioni simili a quelle umane. Ma ogni anno in Norvegia sono cacciate e fatte a pezzi e poi usate per farne cibo per animali e prodotti di “bellezza”! È allucinante.

Senza l’attenzione dei media la Norvegia è diventata il primo killer globale di balene. Ma ora un’enorme ondata di indignazione può far chiudere i porti europei alle loro baleniere, bloccando la vendita. Con l’Islanda ha funzionato, firma ora la petizione qui sotto con un solo clic:

Firma ora per fermare la strage di balene in Norvegia

Al governo norvegese, alla Commissione Europea e a tutti i paesi che permettono il passaggio alle navi che trasportano carne di balena :

Da tutto il mondo ci appelliamo al governo norvegese perché metta fine al massacro delle balene e a tutti gli altri governi perché chiudano i loro porti alle navi che ne trasportino la carne. Potete creare un precedente che può salvare migliaia di balene e contribuire alla fine di questa caccia in tutta Europa.

Firma ora per fermare la strage di balene in Norvegia

Assieme ad altre organizzazioni siamo già riusciti a far chiudere i porti olandesi e tedeschi alle navi islandesi, costringendo una delle più grandi aziende nel mondo della caccia alla balene a ritirarsi dal mercato. Abbiamo convinto la Commissione internazionale sulla caccia alle balene a mettere sotto osservazione le finte “spedizioni scientifiche” del Giappone che in realtà sono mattanze. E abbiamo spinto la comunità internazionale a darsi l’obiettivo di proteggere il 30% degli oceani entro il 2030.

La Norvegia però continua ad ammazzare balene e a farla franca, al punto che hanno appena annunciato di voler raddoppiare la quota di uccisioni annuale! Ma per guadagnarci devono venderne la carne, e per farlo hanno bisogno di poter entrare nei porti europei.

Mettiamo fine allo smercio di questi animali meravigliosi. Appena avremo raccolto 1 milione di firme faremo di tutto perché questo diventi un incubo per la loro immagine internazionale e ogni singolo porto in Europa gli neghi l’ingresso. Unisciti e condividi con tutti, salviamo le balene!

Firma ora per fermare la strage di balene in Norvegia

La fine di questa pratica barbara è sempre più vicina, ma come ogni impero morente la lobby dei balenieri sta lottando con tutte le sue forze per non scomparire. Le balene non possono difendersi da sole, dobbiamo essere noi la loro voce e il loro canto. Una voce così forte da non poter essere ignorata fino a quando smetteranno di cacciare le balene.

Con speranza

Rewan, Caroline, Diego, Allison, Emma, Danny, Alice e tutto il team di Avaaz

23 marzo 2017



Stamattina è stata la prima volta di Anca e Nicoletta, sono andate abbastanza bene. E’ di ieri la notizia che intorno alle 16,00 (italiane) c’è stato un attentato a Londra, un auto è andata sulla folla provocando morti e feriti, però una cosa non mi torna: l’attentatore è andato all’assalto del parlamento con un … coltello. Le cose sono due: o è scemo o c’è qualcosa che non ci dicono

DA: http://www.huffingtonpost.it/2017/03/22/michael-moore-contro-trump-chiede-stato-emergenza_n_15538022.html?utm_hp_ref=italy

\…\..

. “Per la prima volta nella nostra storia, il presidente degli Stati Uniti e il suo staff sono indagati per spionaggio” continua poi Michael Moore. “L’annuncio, arrivato dal capo dell’Fbi (vicino allo stesso Trump), è uno shock per la nostra democrazia”. Il regista si riferisce alla conferma, da parte di James Comey, che l’agenzia federale ha aperto un fascicolo per far luce su possibili collegamenti tra l’entourage del tycoon e il Cremlino in merito al cosiddetto “Russiagate”, ovvero le interferenze della Russia nel corso delle ultime elezioni presidenziali americane.

\…\

da AVAAZ

Tra pochi giorni la Norvegia si lancia nella sua più orribile tradizione — il massacro di centinaia di balene, la grande maggioranza incinte. Ma quest’anno abbiamo una strategia per dire “Norvegia, fermati!”

Le balene sono creature incredibilmente intelligenti, sappiamo che con il loro ‘canto’ comunicano tra di loro e che provano emozioni simili a quelle umane. Ma ogni anno in Norvegia sono cacciate e fatte a pezzi e poi usate per farne cibo per animali e prodotti di “bellezza”! È allucinante.

Senza l’attenzione dei media la Norvegia è diventata il primo killer globale di balene. Ma ora un’enorme ondata di indignazione può far chiudere i porti europei alle loro baleniere, bloccando la vendita. Con l’Islanda ha funzionato, firma ora:

Firma ora per fermare la strage di balene in Norvegia:
https://secure.avaaz.org/campaign/it/norway_save_the_whales_loc/?taTTibb&v=500296339&cl=12195490786&_checksum=0218ac87f1defac7a9bfc1919228b75bddbc0e0cdb8c94111eeec0acd198f1da

Assieme ad altre organizzazioni siamo già riusciti a far chiudere i porti olandesi e tedeschi alle navi islandesi, costringendo una delle più grandi aziende nel mondo della caccia alla balene a ritirarsi dal mercato. Abbiamo convinto la Commissione internazionale sulla caccia alle balene a mettere sotto osservazione le finte “spedizioni scientifiche” del Giappone che in realtà sono mattanze. E abbiamo spinto la comunità internazionale a darsi l’obiettivo di proteggere il 30% degli oceani entro il 2030.

La Norvegia però continua ad ammazzare balene e a farla franca, al punto che hanno appena annunciato di voler raddoppiare la quota di uccisioni annuale! Ma per guadagnarci devono venderne la carne, e per farlo hanno bisogno di poter entrare nei porti europei.

Mettiamo fine allo smercio di questi animali meravigliosi. Appena avremo raccolto 1 milione di firme faremo di tutto perché questo diventi un incubo per la loro immagine internazionale e ogni singolo porto in Europa gli neghi l’ingresso. Unisciti e condividi con tutti, salviamo le balene!

Firma ora per fermare la strage di balene in Norvegia:
https://secure.avaaz.org/campaign/it/norway_save_the_whales_loc/?taTTibb&v=500296339&cl=12195490786&_checksum=0218ac87f1defac7a9bfc1919228b75bddbc0e0cdb8c94111eeec0acd198f1da

La fine di questa pratica barbara è sempre più vicina, ma come ogni impero morente la lobby dei balenieri sta lottando con tutte le sue forze per non scomparire. Le balene non possono difendersi da sole, dobbiamo essere noi la loro voce e il loro canto. Una voce così forte da non poter essere ignorata fino a quando smetteranno di cacciare le balene.

Con speranza

Rewan, Caroline, Diego, Allison, Emma, Danny, Alice e tutto il team di Avaaz

Voci precedenti più vecchie