18 luglio 2018

oggi ci sta Nicoletta stamattina sono andato al bar dove lavora Cristiano ed ho letto il giornale:  sta diventando un luogo comune accusare i libici. Una ONG li ha accusati di aver fatto affogare una madre col figlio ma, sono stati smentiti dal viminale e da una giornalista presente

Annunci

da AVAAZ

firma la petizione

Tra pochi giorni l’India vuole cancellare quasi 7 milioni di musulmani dalla lista dei cittadini per poi rinchiuderli in campi di prigionia. È così che iniziano i genocidi. Ma quasi nessuno ne è al corrente! Se lanciamo ora l’allarme, possiamo spingere le Nazioni Unite e i paesi chiave ad agire e fermarli. Unisciti ora:

FIRMA LA PETIZIONE

Cari avaaziani,

tra pochi giorni, l’India vuole togliere la cittadinanza a quasi 7 milioni di persone musulmane, perché la lingua che parlano e il Dio che pregano sono quelli sbagliati.

Intere famiglie, bambini inclusi, rischiano di essere separate e chiuse a marcire in campi di prigionia.

È così che iniziano i genocidi; è così che è iniziato anche l’incubo dei Rohingya. E sta accadendo nell’assoluto silenzio — tocca a noi, adesso, lanciare l’allarme e spronare il Segretario generale delle Nazioni Unite e i governi chiave a intervenire per fermare questo orrore prima che inizi:

Lancia l’allarme

Il governo locale dello stato indiano dell’Assam ha già iniziato a costruire un nuovo campo di prigionia e a preparare l’esercito.

Come il regime birmano quando attaccò i Rohingya, anche qui il governo sostiene che questa misura serve a contrastare l’immigrazione illegale dal Bangladesh. Ma la stragrande maggioranza delle persone coinvolte sono cittadini musulmani poveri, analfabeti e semplicemente senza la “giusta” documentazione. Documenti che finora non erano mai serviti!

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, si è impegnato a lottare in nome di chi non può farlo: “Farò sentire la mia voce. Non resterò a guardare. Userò i miei diritti per difendere i vostri”. Facciamogli mantenere la parola data, perché in questo momento nessuno sullo scenario internazionale si sta schierando in difesa dei musulmani bengalesi, tranne noi. Firma la petizione, insieme possiamo fermare il genocidio in Assam:

Lancia l’allarme

Dietro a questa aggressione che vuole togliere a milioni di persone musulmane la cittadinanza e renderle vulnerabili, c’è il risveglio di un violento sentimento nazionalista in India. La storia ci insegna che questi movimenti non conoscono limiti, se non quelli che l’opinione pubblica decide di far valere. Impediamo l’escalation della situazione in Assam e inviamo un messaggio ai governi di tutto il mondo: noi terremo gli occhi bene aperti.

Con speranza e determinazione,

Emma, Nate, Ricken, Antonia, Flora, Alice, Wissam, Danny e tutto il team di Avaaz

PS: Avremmo voluto inserire anche dei link ad articoli in italiano ma non ce ne sono, e questa è una parte del problema. I media di tutto il mondo non stanno raccontando quello che sta succedendo, ed è anche per questo che è importante firmare e far girare questa campagna! Qui trovi qualche informazione in inglese.

Ulteriori informazioni:

Più di 7 milioni di persone, comprese 2,9 milioni di donne sposate, devono dimostrare la loro cittadinanza in base a test fatti su tutta la popolazione (Al Jazeera)
https://www.aljazeera.com/indepth/features/assam-counts-citizens-muslims-fear-left-180530080633948.html

Apolidi in Assam (The Indian Express)
https://indianexpress.com/article/opinion/national-register-of-citizens-5030603/

Il capo del governo statale di Assam: nessun diritto fondamentale per chi non passa i test NRC (Times of India)
https://timesofindia.indiatimes.com/india/assam-cm-no-fundamental-rights-for-those-failing-nrc-test/articleshow/62344296.cms?from=mdr

Il lato oscuro dell’umanità e della legalità: uno sguardo ai centri di prigionia per “stranieri” di Assam (Scroll.in)
https://scroll.in/article/883936/assam-citizens-register-detention-centres-for-foreigners-offer-a-glimpse-of-the-looming-tragedy

A venti giorni dal rilascio della proposta definitiva del registro nazionale dei cittadini (NRC), in Assam aumentano i casi di suicidio (NewsClick)
https://newsclick.in/final-nrc-draft-be-released-20-days-assam-witnessing-rise-suicides

Assam contatta 150 agenzie delle forze centrali alla vigilia della pubblicazione della prossima lista dei cittadini (NRC) (The Economic Times)
https://economictimes.indiatimes.com/news/politics-and-nation/assam-seeks-150-companies-of-central-forces-ahead-of-next-nrc-publication/articleshow/64394147.cms

17 (La sfiga incombe) luglio 2018

Oggi ci sta Emilia, ho fatto la doccia e poi sono al Centro Cesure dove ho letto il giornale: la cassazione ha deciso che, se nello stupro di gruppo, la vittima ha assunto alcool non è un aggravante (veramente io avrei dedotto che era un’attenuante).

Dopo tornando a casa Emilia si è bloccata col cingolo (infatti è 17!) ma poi l’ha aiutata una signora.

16 luglio bis

ha scritto su Twitter il premier ceco Andrej Babis -. Un tale approccio è la strada per l’inferno”. stava dicendo della linea italiana verso i migranti ma. glielo farei provare a lui l’inferno del paese da cui provengono e, il purgatorio delle navi!

16 luglio 2018

oggi ci sta Nicoletta, ho fatto colazione e poi sono andato al centro, da Cristiano ho letto il giornale: sui migranti ha prevalso la linea diplomatica di Conte (è stata reputata controproducente la linea dura di Salvini), anche Germania, Spagna e Portogallo si sono aggiunti a Francia e Malta per prendere 50 migranti a testa e siamo a 250. Veramente prima mi sembravano pochi (100) ma anche adesso non ci sta da festeggiare, In Italia si parla di migliaia!

15 luglio bis

sta arrivando un barcone xi migranti, dicono che la spuntata Salvini i migranti saranno suddivisi con FRANCIA E MALTA, comunque non capisco tutto questo entusiasmo e il cantar vittoria da parte di Salini, l’imbarcazione porta 450 migranti Francia e Malta ne prenderanno solo 50 per uno!

mi fido (io non sento)

Voci precedenti più vecchie Prossimi Articoli più recenti