31 gennaio 2013

Stamattina è venuta Anna, sono andato alla TIM e ho capito perché mi sottraeva i soldi avevo un opzione che potevo spedire 100 SMS la settimana però mi sottraeva 2 euro a settimana.

Poi sono andato al Continente e al bar ho letto il giornale: sono un po’ anomale queste elezioni, mi sembra che Monti si voglia accreditare con la sinistra. Infatti, rivendicando l’autonomia del centro, ha detto che porta via voti al centrodestra.

Dopo sono venuto a casa ed ora vado avanti con la tesi, sull’introduzione ho scritto:

Inizio questa tesi parlando un po’ di me che, è anche legato all’argomento della tesi, infatti, in alcuni punti, porterò l’esperienza personale.

Ho frequentato l’ISEF ma in questo momento non mi serve a nulla, allora mi sono rivolto a questi temi, anche perché mi coinvolgono direttamente,

Si parla molto di barriere architettoniche e del loro superamento ma ci si dimentica spesso che, quegli stessi mezzi (inventati per il superamento delle difficoltà) possono essere fonte di impaccio e portare difficoltà di approccio.

 

Immagine

da AVAAZ

Le api stanno morendo in tutto il mondo e l’ente di controllo europeo per l’alimentazione ha appena dichiarato che almeno in parte ci�� �� causato da alcuni pesticidi. Mancano 24 ore prima di un incontro cruciale: scateniamo uno sciame di 2 milioni di persone per salvare le api. Clicca per entrare subito in azione:

Silenziosamente, in tutto il mondo, miliardi di api stanno morendo, minacciando raccolti e risorse alimentari. Ma tra 24 ore l’Unione Europea potrebbe decidere di mettere al bando i pesticidi pi�� tossici aprendo cos�� la strada a uno stop globale che scongiurerebbe l’estinzione delle api.

Quattro paesi dell’UE hanno iniziato a mettere al bando questi veleni e alcune popolazioni di api stanno gi�� iniziando a riprendersi. Alcuni giorni fa l’agenzia ufficiale che controlla la sicurezza alimentare ha affermato per la prima volta che alcuni pesticidi stanno colpendo irreparabilmente le api. Proprio in queste ore esperti di diritto e politici europei ne stanno chiedendo una messa al bando immediata. Ma la Bayer e altri giganti produttori di pesticidi stanno esercitando una forte pressione per mantenerli sul mercato. Se in queste ore riusciremo a scatenare uno sciame di indignazione pubblica, potremo spingere la Commissione Europea a mettere la nostra salute e il nostro ambiente prima del profitto di pochi.

Sappiamo che la nostra voce conta! Lo scorso anno, una petizione firmata da oltre 1,2 milioni di persone ha imposto alle autorit�� statunitensi l’apertura di una consultazione pubblica e formale sui pesticidi: se ora raggiungeremo i 2 milioni, potremo convincere l’UE a sbarazzarsi di questi assurdi veleni, aprendo cos�� la strada a una messa al bando globale. Firma la petizione urgente e manda questa email a tutti: Avaaz e alcuni dei pi�� autorevoli europarlamentari consegneranno il nostro messaggio all’apertura di un incontro chiave che si svolger�� questa settimana a Bruxelles:

http://www.avaaz.org/it/hours_to_save_the_bees/?baTTibb&v=21480

Le api non sono solo produttrici di miele, sono vitali per la vita sul pianeta e ogni anno impollinano il 90% delle piante e dei raccolti: tutto ci�� ha un valore stimato di 40 miliardi di dollari e costituisce oltre un terzo della fornitura di cibo in molti paesi. Senza un’azione immediata per salvare le api, molti dei nostri frutti e vegetali preferiti potrebbero scomparire dalle nostre dispense.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una netta e inquietante riduzione della popolazione mondiale di api: alcune specie sono gi�� estinte e altre negli USA sono ormai al 4% della popolazione di un tempo. Gli scienziati a lungo hanno brancolato nel buio alla ricerca di risposte e ora l’Autorit�� europea per la sicurezza alimentare sta dicendo che dei prodotti chimici tossici, ipesticidi neonicotinoidi, potrebbero essere i responsabili della morte delle api. Francia, Italia, Slovenia e addirittura la Germania, dove si trova il loro pi�� grande produttore Bayer, hanno messo al bando questi pesticidi ammazza-api. Ma la Bayer continua a esportare i suoi veleni negli altri paesi.

Ora la discussione sta arrivando a un punto cruciale. Gli europarlamentari stanno aumentando la loro pressione sulla Commissione Europea e su governi chiave per ottenere delle nuove regole che mettano al bando questi pesticidi letali e noi possiamo offrire loro il sostegno pubblico di cui hanno bisogno per contrastare la potente lobby dei pesticidi. Firma questa petizione urgente ai leader europei e poi fai girare piu’ che puoi questa mail:

http://www.avaaz.org/it/hours_to_save_the_bees/?baTTibb&v=21480

Il nostro pianeta subisce continuamente minacce alla sua abitabilit�� e alle sue inestimabili meraviglie. La comunit�� di Avaaz si ritrova ogni volta per difendere sia l’una che le altre, il piccolo e il grande. Che l’obiettivo sia vincere una battaglia per impedire alla Commissione Internazionale sulla caccia alle balene dal sanzionare l’uccisione di questi giganti, o salvare le api, le piccole creature da cui dipende cos�� tanto, ci uniremo e faremo sentire la nostra voce per costruire il mondo che tutti noi vogliamo.

Con speranza,

Luis, Ari, Alice, Iain, Ricken, David, Alaphia, e il resto del team di Avaaz

30 gennaio 2013

Oggi è venuto Paolo dopo la barba sono andato a fare ginnastica, dopo sono andato al Centro Cesure e al bar ho letto il giornale: c’è stato un “no” di Berlusconi per il confronto a sei (ha detto che la legge lo prevede solo per i capi coalizione, penso che sia un modo per far parlare del PDL! Della serie: “parlatene bene, parlatene male, basta che ne parlate!”).

29 gennaio bis

Il presidente Napolitano è intervenuto sulla “shoa” dopo le parole di Berlusconi (che aveva fatto un mezzo elogio di Mussolini), credo che questa ricerca (disperata) di consenso elettorale gli si rivolterà contro, se perfino … Morpheo (Napolitano) è intervenuto.

29 gennaio 2013

Stamattina è venuta Isabella, dopo la doccia, sono andato dall’ottico al Corso, poi sono andato al bar ho letto il giornale: sarà un caso ma ora il debito è aumentato non voglio essere maligno ma “voi vedè che in vista delle elezioni tira fuori il piccione dal cappello e risana il debito?”.

Gli economisti dicono che bisogna diminuire le tasse (per aumentare la produzione e di conseguenza il gettito.

il miracolo di Berlusconi

Immagine

Voci precedenti più vecchie