31 marzo 2014

Stamattina è venuto Paolo sono andato a fare ginnastica, poi sl negozio Tslecom a Corso Tacito ma, stava chiuso, dopo sono andato ds Piero ed ho letto il giornale: Renzi ha detto, il premier ha già detto chiaramente che nel caso in cui la riforma del Senato non fosse approvata ci sarebbe il ritorno alle urne.Lo usa come spauracchio le urne ma gli italiani (una buona parte) ci vorrebbero tornare.

Annunci

30 marzo 2014

Oggi è domenica ed è venuto il gentile don Fernando per portarmi alla messa per cui avevo preparato questa frase:

Siamo spesso ciechi, non vediamo i bisogni della gente intorno a noi il velo si può squarciare solo col fango della vita

29 marzo 2014

Oggi èvenuto Paolo, dopo barba e colazione, sono andato al Continente, al bar ho letto il giornale: partono i tagli agli stipendi dei manager pubblici, si parla di un tetto  di 311.000 euro (e se lamentano).
fanno tante storie sulla possibilità di creare lavoro con gli F35 ma non hanno considerato i tagli alla sicurezza (sai quanti poliziotti ci pagano con la spesa per gli F35).

da AVAAZ

Un processo farsa ha condannato a morte 528 persone in Egitto. Sarà l’esecuzione di massa più grande del secolo, ma c’è un uomo che ha 10 giorni per fermarla. Chiediamo tutti assieme al Gran Mufti Allam di usare la sua autorità per impedire questa tremenda barbarie. Unisciti a questa petizione urgente e ferma le esecuzioni:

firma la petizione

Il processo farsa di un tribunale egiziano ha appena condannato a morte 528 persone. Una sentenza che porterà all’esecuzione di massa più grande del secolo, ma c’è un uomo che può fermarla.

Il Gran Mufti Allam, la figura religiosa più importante del Paese, ha 10 giorni per rigettare la decisione. La sentenza è già stata criticata da altri leader spirituali e lui, primo Mufti eletto dai suoi pari, può assumere il ruolo di guida morale del Paese. Vogliamo unire in un unico appello tutte le persone che da tutto il mondo, qualunque sia la loro fede, chiedono di fermare questa barbarie.

Il processo è servito da propaganda politica: il regime militare vuole usarlo per spazzare via l’opposizione. Se non ci faremo sentire, ci saranno conseguenze gravissime per l’Egitto e per il mondo intero. Firma subito per salvare queste vite e interrompere la spirale di odio: raggiunto il milione di firme, l’appello sarà consegnato al Mufti direttamente dagli altri leader religiosi egiziani:

http://www.avaaz.org/it/stop_mass_execution_loc/?baTTibb&v=38020

Dopo la speranza rappresentata da piazza Tahrir, in cui centinaia di migliaia di persone avevano rovesciato decenni di dittatura, il popolo egiziano aveva eletto democraticamente il governo dei Fratelli Musulmani. Quando la scorsa estate i militari hanno preso il potere con un colpo di stato, i sostenitori del governo sono scesi in piazza: sono stati chiamati terroristi e la repressione è stata brutale, con 1 6mila arresti tra giornalisti, attivisti e persino studentesse adolescenti!

Il processo è stato una farsa: oltre alle accuse per tumulti e distruzione della proprietà, le 528 persone sono tutte accusate dell’omicidio di un poliziotto e i loro avvocati non hanno potuto assistere alla lettura della sentenza, che è durata meno di un’ora! Non si è trattato di un caso isolato: viene usata la magistratura per colpire il dissenso politico, mentre le forze di sicurezza che hanno ucciso centinaia di manifestanti raramente finiscono sul banco degli imputati. La situazione è critica: più si fanno pesanti la repressione e le intimidazioni dei militari, più cresce l’estremismo.

La più pesante incarcerazione di massa della storia dell’Egitto moderno avrà ripercussioni ben oltre i confini del Paese. Firma subito per chiedere al Gran Mufti di non permettere questo omicidio di Stato, e di diventare quella guida etica di cui l’Egitto ha un bisogno disperato:

http://www.avaaz.org/it/stop_mass_execution_loc/?baTTibb&v=38020

Il mondo è rimasto a guardare mentre questo regime affossava un governo di certo imperfetto, ma democraticamente eletto, mettendo in ginocchio l’Egitto. I leader mondiali non perdono occasione per incensare la democrazia e condannare le dittature in Crimea e a Caracas. Ma non in Egitto. Ora, se il mondo permetterà questa esecuzione di massa, il messaggio sarà chiaro: la democrazia avrà sempre il nostro appoggio, a meno che non sia l’Islam a voler fare politica. E questo non farà che rafforzare una categoria di person e piccola ma molto pericolosa per tutti: gli estremisti.

La comunità di Avaaz si è sempre battuta con forza contro le ingiustizie e per una riconciliazione pacifica e duratura anche delle questioni più spinose. In questo momento si sta decidendo il futuro dell’Egitto, e una sentenza incredibilmente ingiusta e provocatoria come quella emessa a Minya potrebbe distruggere tutto. Facciamo sentire, in questa delicata situazione, la nostra voce, e salviamo la vita di queste 528 persone.

Immagine

28 marzo 2014

Oggi è venuto Paolo mi ha fatto la doccia Ana dopo colazione sono andato al negozio della TIM davanti a Palazzo Spada, poi sono andato da Piero ed ho letto il giornale: Renzi nell’incontro con Obama, ha avuto successo (ma perchè Obama mirava a non far diminuire la spesa per le armi, insomma se l’è arriffianato). Ora la propaganda pro- Renzi porterà quest’incontro come un successo del premier.
Ieri ho passato la mattina in ospedale per controllare il braccio!

Mentana sbugiarda Renzi: pronto l’acquisto di altre 210 auto Blu

http://www.tzetze.it/redazione/2014/03/mentana_sbugiarda_renzi_pronto_lacquisto_di_altre_210_auto_blu/index

clicca sul link

Voci precedenti più vecchie