30 settembre 2010

Stamattina ho studiato un po’ (rigorosamente pocoJ), è venuta Roberta e sono andato al Continente.

Al bar ho letto il giornale: il governo ha avuto la fiducia ma, Fini si è dimostrato indispensabile!

Ora avrà un’arma di ricatto caricaJ.

Non mi tornano i conti: si deve finire la Salerno – Reggio/Calabria e si pensa al ponte sullo stretto di Messina?

Berlusconi nel suo discorso alla camera non ha citato Bersani, ha invece citato Veltroni (mi fa pensare al detto romano: “dividi et imperaJ”.

 

Annunci

DA AVAAZ (Berlusconi ha dimenticato la corruzione)

Incredibile: in solo 36 ore 24.000 italiani hanno firmato la petizione per una legge efficace contro la corruzione! Raggiungiamo urgentemente le 40.000 firme – inoltra questa email a tutti i tuoi conoscenti:

Cari amici,

Berlusconi vincerà con ogni probabilità il voto in Parlamento sul programma che ignora totalmente il più grande attentato alla nostra democrazia: la corruzione. Non permettiamogli di portare a termine un mandato focalizzato esclusivamente sulle sue priorità politiche: trasformiamo questo momento in un punto di svolta nella battaglia per la legge anti-corruzione.

Silvio Berlusconi vincerà con ogni probabilità il voto in Parlamento sul programma di 5 punti che determinerà il resto del suo mandato. Ma quel programma ignora totalmente il più grande attentato alla democrazia in Italia: la corruzione.

Se sopravviverà a questo voto senza che si alzi una voce contro la corruzione, sarà in grado di portare a termine un mandato focalizzato esclusivamente sulle sue priorità politiche. Se invece faremo sentire subito le nostre voci, potremo trasformare questo momento in un punto di svolta nella battaglia per la legge anti-corruzione.

L’opposizione, i media, ma anche alcuni degli alleati di sempre di Berlusconi, stanno chiedendo maggiori sforzi per combattere la corruzione. Anche se Berlusconi vorrebbe ignorare la questione, il Parlamento può premere affinché essa sia inserita nell’agenda. E noi possiamo dimostrare al Parlamento che i cittadini italiani chiedono di agire.

Firma la petizione anti-corruzione qua sotto: sarà consegnata direttamente ai leader dei gruppi parlamentari chiave e ai media, proprio prima del voto e ogni volta che raggiungeremo altre 20.000 firme. Impegniamoci al massimo nella battaglia per una legge efficace contro la corruzione, senza accontentarci che sia discussa in Parlamento, ma perché diventi legge! Inoltra questo messaggio a tutti:

http://www.avaaz.org/it/legge_anticorruzione/?vl

Vincere questa battaglia non sarà facile, ma noi sappiamo che possiamo farcela: insieme abbiamo sconfitto la “legge bavaglio” di Berlusconi. I giornalisti, i blogger, i movimenti della società civile e le centinaia di migliaia di cittadini che hanno combattuto contro la “legge bavaglio” erano una forza troppo dirompente per essere ignorata.

E’ tempo di riprendere quella stessa energia e di vincere una battaglia ancora più grande. Ogni anno la corruzione ci costa 60 miliardi di euro. Dalla speculazione sugli appalti per ricostruire L’Aquila agli impianti eolici truffa per ottenere i fondi pubblici in Sardegna, fino al torbido tentativo di influenzare i giudici per sentenze favorevoli al Premier: la corruzione debilita la nostra economia e avvelena la nostra democrazia.

Nel marzo scorso, barcollante per numerosi scandali e messo alle strette dalle crescenti critiche dell’opinione pubblica e dei media, il Presidente del Consiglio annunciò una proposta di legge anti-corruzione, accantonata poco dopo. Questa volta non la lasceremo andare nel dimenticatoio. Dimostriamo che gli italiani ne hanno abbastanza.

28 settembre 2010

Oggi è venuta Roberta sono andato a fare ginnastica, poi sono andato al centro Cesure.

Al bar ho letto il giornale: Berlusconi sta cercando (disperatamente) i 316 deputati che votino la fiducia, sembra che sia arrivato al punto di … corrompereJ.

Certo che non sarà una votazione tranquilla!

dalla biblioteca

dal messaggero.it: «Noi pretendiamo di essere rispettati e di non venire depredati – ha detto il leader della Lega – Io ho fatto una battuta, evidentemente hanno reagito così perché hanno la coda di paglia, del resto se potessero ci porterebbero via anche i marciapiedi. Per questa gente qui, per una battuta, io ho peccato di lesa maestà».

signor Bossi per essere rispettati bisogna rispettare e mi sembra che non è sua abitudine

28 settembre 2010

Oggi è venuta Anna (prima ho studiato un po’), ho fatto la doccia, poi sono andato al Continente.

Al bar ho letto il giornale: il discorso del cardinal Bagnasco (ai vescovi)  mi sembra una tirata di orecchie al governo, ha avuto da ridire sulla scuola (leggi Gelmini), ha messo dei paletti sul federalismo (leggi Bossi).

Berlusconi fa di tutto, perché al discorso di  mercoledì alla camera, non partecipino, alla stesura, quelli del FLI (sarà che gli vuole lanciare un affondo?)

da Virgilio news

Partito Comunista Italiano, che lo ha candidato a sindaco di Pesaro;
Partito Socialista Italiano, per il quale è stato consigliere comunale a San Severino Marche;
DC-MSI, alleanza con la quale è stato eletto sindaco di San Severino Marche nel 1992;
Partito Liberale Italiano, per il quale è stato deputato;
Partito Federalista, che ha fondato nel 1995 e poi lasciato per aderire alla Lista Pannella;
Lista Marco Pannella, con la Lista Pannella-Sgarbi, abbandonata dallo stesso Sgarbi prima delle elezioni;
Forza Italia, nella quale ha inglobato il suo movimento I Liberal Sgarbi-I libertari;
Partito Repubblicano Italiano, con il quale si è alleato per le elezioni europee nel 2004;
Lista Consumatori, con la quale si è candidato, per le Politiche del 2006, senza essere eletto;
UDC-DC, alleanza con la quale è stato eletto sindaco di Salemi nel 2008;
Movimento per le Autonomie, con il quale è stato candidato alle Elezioni europee del 2009 nel cartello elettorale del Polo dell’Autonomia nella circoscrizione Isole.
Con Rete Liberal alle regionali 2010 del Lazio sostiene Renata Polverini.
Ha inoltre fatto parte dell’Unione Monarchica Italiana.

questa è la lista politica di V. Sgarbi, da notare che  è volato dal PC all’MSI PASSANDO PER I RADICALI E I REPUBBLICANI, QUESTA SI CHE è COERENZA

27 settembre 2010

Oggi è venuta Roberta sono andato a fare ginnastica, poi mi sono recato in biblioteca per il tirocinio ma, il vento è cambiato!

Lorella non c’è più, Benedetta era  uscitaJ.

Poi sono andato da Piero (a volte tre) ed ho dato una scorsa al giornale: un avvocato ha detto che il ministro monegasco ha detto la verità (ma quale?)J

Voci precedenti più vecchie